RASSEGNA STAMPA

03.06.2015

La carica delle mille donne nei CDA delle società quotate

La Stampa - Paolo Baroni

Allo scoccare del terzo anno pieno di applicazione della legge sulla «parità di genere» sono diventate mille le donne che siedono nei posti di comando delle grandi società quotate: si tratta di 599 consiglieri di amministrazione e 381 componenti dei collegi sindacali.
Con l’ultima tornata di nomine la quota rosa nei cda ha così raggiunto il 26%, ben oltre la soglia del 20% prevista dalla legge per il primo rinnovo dei consigli. E anche nel settore pubblico, dove una legge fotocopia è entrata in vigore a inizio 2013, si è arrivati allo stesso livello (25,8%).

Un record europeo Negli ultimi anni la progressione è stata davvero importante: si è infatti passati dal 5,9% del 2008 all’11,6% nel 2012 per toccare già a settembre 2013 il 17,2% e quota 21% nel maggio 2014, mentre a marzo di quest’anno siamo poi arrivati al 26%. In base alle statistiche europee l’Italia risulta il paese che tra ottobre 2010 e aprile 2014 ha fatto segnare il secondo più forte aumento di presenza femminile nei cda con un incremento di 14,1 punti più che doppio rispetto alla media europea (+6,7). Solo la Francia (+18,1) ha fatto meglio.

Documento PDF